Vol. 16 - 28 Marzo 2018

Indice

PRIMA PAGINA

Edvige Facchi, Nadia Magnani, Giuseppe Cardamone
Galileo Guidi
 

ARTICOLI ORIGINALI

Franco Sirianni, Massimo De Berardinis, Simone Pedri, Chiara Travierso
Raffaele Barone, Rosa Leonardi, Andrea Nicosia
Adriana Fascì, Valentina Botter, Elisabetta Pascolo-Fabrici, Kinou Wolf, Roberto Mezzina
Lorenzo Lampronti, Sandro Domenichetti
Andrea Bencini, Laura Cimminiello, Maria Serena Mian, Paolo Ardito
Franco Scarpa
Alfredo Sbrana, Antonello Veltri, Valentina Lombardi
Daniela Speh, Roberta Casadio, Roberto Mezzina
Sergio Zorzetto, Salvatore Inglese
Maria Chiara Monti, Filippo Casadei
Luciana Bianchera, Giorgio Cavicchioli
Maurizio Coltraro, Luciana Imperio, Francesca Lazzarini, Barbara Predieri, Filomena Tornillo, Maurizio Iemmi, Maria Bologna
Marta Debolini
Sandro Domenichetti, Maria Rosaria Ciasullo, Loredana Marroncini
Hanno collaborato: Tiziana Martino, Manuela Passerini
Antonella Bruni, Edvige Facchi
EDITORIALE
divisore
Edvige Facchi
Nadia Magnani
Giuseppe Cardamone

La riorganizzazione del Sistema Sanitario Regionale in Toscana ha intensificato un naturale confronto tra i saperi e le pratiche nei vari territori. Obiettivo della Rivista è sostenere e potenziare tale vitale confronto, nella consapevolezza che è da movimenti di scambio, apertura, de-istituzionalizzazione e ricerca delle differenze che può aver luogo un fecondo dibattito e crescita culturale.

I saperi in Salute mentale sono proteiformi e con caratteristiche “volatili”, difficilmente possono aspirare e/o assurgere a definizioni “scientifiche” in senso stretto. Questo per la caratteristica ibrida della Psichiatria (tra scienza medica e scienza sociale) e per il doppio mandato terapeutico e di controllo sociale a cui siamo inesorabilmente vincolati.

Attraverso gli attuali confronti possiamo verosimilmente sostenere che non vi è molta discordanza tra i saperi e le teorizzazioni di riferimento nei diversi territori.

Leggi tutto


EDITORIALE
divisore
Galileo Guidi

Sulla Gazzetta Ufficiale serie generale n. 65 del 18 marzo 2017 supplemento ordinario n. 15 è stato pubblicato il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri approvato il 12 gennaio 2017 recante: “Nuova definizione dei livelli essenziali di assistenza sanitaria”.

Il provvedimento è del tutto sostitutivo del DPCM 29 novembre 2001 e di numerose altre disposizioni attualmente in vigore che definivano i livelli essenziali validi fino ad oggi. Questo decreto ha carattere costitutivo, proponendosi come la fonte primaria per la definizione delle “attività, dei servizi e delle prestazioni” garantite ai cittadini con le risorse pubbliche messe a disposizione del Servizio sanitario nazionale. La Costituzione della Repubblica Italiana così come confermata dal referendum svoltosi nel dicembre del 2016 affida al governo nazionale il compito di stabilire i livelli essenziali di assistenza che devono essere garantiti ai cittadini italiani su tutto il territorio nazionale e di assegnare le risorse finanziarie necessarie.

Le Regioni nell'ambito dei poteri riconosciuti dalla Costituzione hanno il compito di organizzare come meglio credono i servizi garantendo comunque a tutti i cittadini l'erogazione di attività e prestazioni che rispettino i livelli essenziali di assistenza definiti da specifico decreto.

Leggi tutto